Le leggi che puniscono la blasfemia in Italia e nel mondo vengono usate contro avversari politici e dissidenti o per censurare artisti, giornalisti e liberi pensatori. Noi siamo per la libertà d’espressione ovvero per la libertà di pensare e affermare idee diverse da quelle altrui, per la libertà di mettere in discussione qualsiasi convinzione attraverso la conoscenza, l’arte, l’ironia, la satira. 

Ceci n’est pas un blasphème, Festival delle Arti per la libertà d’espressione, si occupa in particolare di autori, opere, generi censurati o contrastati per motivi religiosi. Gli ospiti del Festival sono testimoni di vicende di censura, autori di opere anticlericali o sostenitori della laicità. 

Puoi contribuire anche tu alla realizzazione dell’evento con una donazione.

 

Campagna di crowdfunding su GoFundMe:

 

Oppure procedi con PayPal:

 

Ti chiediamo anche di promuovere tra i tuoi contatti la campagna di raccolta fondi  e di condividere i post della nostra pagina Facebook, del profilo Twitter o di quello Instagram.

Per ringraziarti del contributo, in base all’entità della tua donazione, puoi ricevere un gadget: https://articensurate.it/gadget-per-chi-dona/

*Qualora la pandemia non permettesse la realizzazione in presenza dei live in programma, potrai visualizzare in esclusiva contenuti video. 

Se rappresenti un’associazione e desideri fornire collaborare in qualità di partner, di supporter oppure offrire patrocinio morale, clicca su “richiesta partnership” qui di seguito:


    Comment on this FAQ

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Load More

     

    Perchè questo festival è importante per la laicità, libertà di pensiero, di critica e di espressione, perchè è importante per tutti: