Antonio Mocciola e Marco Prato sono tra i protagonisti del festival delle arti per la libertà di espressione e contro le leggi antiblasfemia. Mostre d’arte, collettive, live performance, talk, proiezioni, stand-up comedy, sul tema della censura dell’arte e della libertà di pensiero per motivi religiosi.

Antonio Mocciola è giornalista, scrittore e sceneggiatore. La sezione espositiva del Festival propone al pubblico una selezione degli scatti realizzati per il libro Addosso. Le parole dell’omofobia. In questa, invece, proietteremo il video Il Vangelo di Giuda, prima parte di una pentalogia dedicata a episodi e figure della Bibbia. La regia è di Marco Prato. Non è la prima volta che Mocciola e Prato lavorano insieme. Uno dei lavori più noti del duo si intitola L’isola degli invertiti.

Le leggi antiblasfemia in Italia e nel mondo vengono usate per sopprimere avversari politici e dissidenti, per censurare artisti, giornalisti e libero pensiero.

L’applicazione di una legge che dovrebbe tutelare un non meglio identificato “sentimento religioso” è altamente soggettiva, completamente arbitraria. Ci sono Paesi in cui anche il canto di una donna può essere ritenuto blasfemo. Una realtà che sposta ingenti somme di denaro e voti ma che non può essere oggetto di satira né criticabile, diventa intoccabile: un dio innominabile diventa davvero onnipotente anche sul piano politico e sociale. Per questo nasce Ceci n’est pas un blasphème, il festival delle arti censurate.
Il festival gode del patrocinio morale dell’assessorato alla Cultura di Napoli, ma per mantenere indipendenza e garantire così la qualità della curatela non abbiamo accesso a fondi pubblici: siamo professionisti ma ci lavoriamo come una squadra di volontari, ci crediamo molto, se condividi il messaggio dacci una mano a realizzarlo: assieme possiamo fare qualcosa di grandioso, per l’arte, per la poesia, per la libertà di espressione, contro ogni forma di sopruso religioso!

Campagna di crowdfunding su GoFundMe:


 

Oppure procedi con PayPal: